Trattamento non invasivo dei disordini neurologici

Ulteriori informazioni

  

Poter intervenire con assoluta precisione ed in manieranon invasiva su di un organo tanto delicato quanto complesso come il cervello è da sempre una vera sfida per le neuroscienze.


Quando l’obiettivo sono piccoli ma importantissimi centri nervosi localizzati in profondità nel cervello (es. nuclei talamici, sub-talamici e nuclei pallidi) responsabili ad esempio della percezione del dolore o del controllo del movimento, poter intervenire senza alcuna incisione chirurgica, con precisione millimetrica, senza danneggiare le strutture limitrofe e potendo valutare il beneficio clinico prima di indurre una lesione cerebrale permanente può essere cruciale per il successo terapeutico.


Soltanto le più recenti tecnologie hanno consentito la realizzazione di un sistema dedicato alla terapia trans-cranica (trans-cranial MRgFUS o tcMRgFUS) di disordini neurologici quali il dolore neuropatico, il tremore essenziale e casi selezionati di tremore in corso di malattia di Parkinson.


Quello installato presso il Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Neuroscienze Interventistiche è il primo sistema tcMRgFUS (ExAblate4000 - InSightecLtd.) mai installato in Italia ed il primo sistema al mondo installato su un comune scanner RM ad alto campo per uso clinico (Signa HDxt1,5T - General Electric Healthcare); nei pochi altri centrial mondo in grado di eseguire questa procedura sono infatti utilizzati scanner RM operanti ad un'intensità di campo di 3 Tesla che in Italia, fino a pochi anni fa erano utilizzabili esclusivamente per attività di ricerca.

Immagine tratta dal primo trattamento tcMRgFUS eseguito in Italia, nel gennaio del 2015 a Palermo.

Immagine tratta dal primo trattamento tcMRgFUS eseguito in Italia, nel gennaio del 2015 a Palermo.